Il ritorno di Mary Poppins

"Il ritorno di Mary Poppins" su Wikipedia       <<< torna alla pagina principale

Ovviamente la prima cosa che si fa Ŕ il confronto con il primo film del 1964. Gli elementi a favore del primo film sono due. Uno: la protagonista. Julie Andrews, morbidamente asessuata, Ŕ la nonavraialtramarypoppinsaldifuoridime; Emily Blunt Ŕ, nel complesso, un po' scostante e segaligna. Due: le musiche. Le canzoni del primo film (Un poco di zucchero, Supercalifragilistic-espiralidoso, Cam-Caminý) sono divenute immortali e indimenticabili. Quelle del nuovo film (le cui parole, tra l'altro, sono piuttosto difficili da comprendere) non lasciano traccia.
Per il resto, direi che il film Ŕ riuscito. Favola, poesia e magia ci sono tutte. Splendidi balletti.
Dick Van Dyke (lo spazzacamino del primo film) qui diventa il vecchio ammiraglio barbuto.
Simpatici interventi della bravissima Meryl Streep e di Angela Lansbury. Bravo Colin Firth nella parte del cattivo.
Prezioso l'apporto vocale di Serena Rossi, che doppia Mary Poppins nel parlato e nel canto, in modo straordinariamente appropriato.
P.S.: Il giorno prima avevamo visto un'altra recente produzione Disney, ovvero il Dumbo di Tim Burton. Se dovete scegliere uno dei due, guardate Il ritorno di Mary Poppins.