Sogni d'oro

"Sogni d'oro" su Wikipedia       <<< torna alla pagina principale

Sicuramente non il miglior film di Moretti, per comunque un'opera interessante e ben fatta.
Lo si potrebbe accostare a 8 di Fellini.
un continuo passaggio da scene surreali a scene piuttosto dure (la colluttazione con la madre, la brava Piera Degli Esposti) a scene comiche (l'irresistibile Sigmund Freud interpretato da Remo Remotti) con il malessere e l'inquietudine a fare da filo conduttore.
Citazioni evidenti del personaggio di Monsieur Opale (Il testamento del mostro).
Compaiono, oltre a Luigi Moretti, padre di Nanni, Vincenzo Salemme, Tatti Sanguineti, Giampiero Mughini, Alessandro Haber.
Sabina Vannucchi, che interpreta Anna Freud, per me assomiglia molto a Jasmine Trinca.
Dario Cantarelli, immancabile nei film di Moretti, qui introduce il tormentone del bracciante lucano, pastore abruzzese e casalinga di Treviso.
Il personaggio di Laura Morante ricorda la Cardinale di 8 o la Ciangottini de La dolce vita.
Buone le musiche di Franco Piersanti (quello de Il commissario Montalbano).